Informazioni 2018-06-14T12:16:40+00:00

INFORMAZIONI

Tiziano e la pittura del Cinquecento tra Venezia e Brescia

Apertura: 21 marzo  – 1 luglio 2018
Sede: Museo di Santa Giulia – Via Musei, 81/b – 25121 Brescia

INFORMAZIONI

www.bresciamusei.com

CUP (Centro Unico Prenotazioni)
Tel. 030 2977833–834;
 santagiulia@bresciamusei.com

21 marzo – 15 giugno
da lunedì a domenica dalle h. 10.00 alle h.16.00

16 giugno – 1 luglio
da martedì a domenica dalle h. 11.00 alle h. 17.00

ORARI

Dal 21 marzo al 15 giugno
mart. – merc. – ven. – sab. – dom. dalle h. 9.00 alle h.18.00
giov. dalle h. 9.00 alle h. 22.00

Dal 16 giugno al 1 luglio
mart. – merc. – ven. – sab. – dom. dalle h. 10.30 alle h.19.00
giov. dalle h. 10.30 alle h. 22.00

La biglietteria chiude un’ora prima

 BIGLIETTI COMPRENSIVI DI AUDIOGUIDA

Cumulativo mostra + Pinacoteca Tosio Martinengo + Museo Diocesano

Intero 13 €

Ridotto 10 €: per gruppi di almeno 10 persone, over 65 anni, residenti del Comune di Brescia e dei Comuni di  Bagolino (BS), Capriolo (BS), Orzinuovi (BS), Salò (BS), Asola (MN), Abbonamento Musei Torino Piemonte, visitatori muniti di biglietto della mostra Raffaello e l’eco del mito (Accademia Carrara di Bergamo), possessori Brescia Card, possessori Desiderio Card, soci ICOM, possessori di Cartafreccia in possesso di titolo di viaggio Frecce con destinazione BRESCIA o MILANO, dipendenti FS, abbonati Trenord in possesso di tessera ITINERO o IO VIAGGIO/Trenord e Clienti con biglietto ferroviario Trenord con destinazione Brescia e obliterato nella stessa giornata della visita alla Mostra.

Ridotto speciale 6 €: under 18 anni

Gratuito per minori di 6 anni, un accompagnatore per gruppo, due insegnanti accompagnatori per classe, un accompagnatore per disabile, abbonamento Musei Lombardia Milano, guide turistiche munite di patentino

Cumulativo mostra + Pinacoteca Tosio Martinengo + Museo di Santa Giulia + Museo delle Armi Luigi Marzoli + Museo Diocesano

Intero 16 €

Ridotto 12 €: per gruppi di almeno 10 persone, over 65 anni, residenti del Comune di Brescia e dei Comuni di  Bagolino (BS), Capriolo (BS), Orzinuovi (BS), Salò (BS), Asola (MN), Abbonamento Torino Piemonte, visitatori muniti di biglietto della mostra Raffaello e l’eco del mito (Accademia Carrara di Bergamo), possessori Brescia Card, possessori Desiderio Card, soci ICOM, possessori di Cartafreccia in possesso di titolo di viaggio Frecce con destinazione BRESCIA o MILANO, dipendenti FS, abbonati Trenord in possesso di tessera ITINERO o IO VIAGGIO/Trenord e Clienti con biglietto ferroviario Trenord con destinazione Brescia e obliterato nella stessa giornata della visita alla Mostra.

Ridotto speciale 8 €: under 18 anni

Gratuito per minori di 6 anni, un accompagnatore per gruppo, due insegnanti accompagnatori per classe, un accompagnatore per disabile, abbonamento Musei Lombardia Milano, guide turistiche munite di patentino

Giovedì 14 giugno (dalle 18 alle 22), giovedì 21 giugno (dalle 19 alle 22) e giovedì 28 giugno (dalle 19 alle 22) sarà attivo lo speciale BIGLIETTO 2X1: i visitatori potranno accedere alla mostra, nel Museo di Santa Giulia, in Pinacoteca e al Museo Diocesano, pagando il prezzo di un solo biglietto valido fino al 1  luglio (1 biglietto intero + 1 biglietto omaggio)

CATALOGO

Titolo: Tiziano e la pittura del Cinquecento tra Venezia e Brescia

Casa Editrice: Silvana Editoriale
Data di uscita: 2018
Lingua: italiano
Numero di pagine: 240 con 150 illustrazioni

Prezzo: € 34,00

Il volume indaga il rapporto tra le culture artistiche di Brescia e Venezia nel corso del Cinquecento, alla luce delle novità introdotte dall’opera di Tiziano Vecellio.
Partendo dalle sue due fondamentali imprese bresciane, ovvero il polittico realizzato per il vescovo Altobello Averoldi tra il 1520 e il 1522, tuttora nella collegiata dei Santi Nazaro e Celso, e le tele con le Allegorie di Brescia, realizzate negli anni sessanta del Cinquecento per il salone della Loggia e andate distrutte durante l’incendio del 1575, il volume ripercorre gli esiti che l’influenza di Tiziano ebbe sugli sviluppi della pittura della regione.

I modelli e il linguaggio pittorico introdotti dal maestro piemontese ebbero infatti un ruolo imprescindibile nella formazione e nell’evoluzione dei protagonisti dell’epoca, quali Girolamo Romanino, Moretto e Giovan Girolamo Savoldo, e più in generale nei pittori della città lombarda, che seppero instaurare un dialogo prolifico con Venezia, ma anche perseguire ricerche autonome.
Gli esiti di questo continuo scambio emergono nelle opere proposte dal volume, che offre un panorama ampio ed esaustivo del secolo d’oro della pittura bresciana.

Autori dei testi:
Maria Fiori, Enrico Valseriati, Stefania Buganza, Barbara Savy, Francesco Frangi, Cristina Passoni, Roberto D’Adda, Filippo Piazza, Angelo Loda

error: