Blog 2018-04-11T15:57:09+00:00
La mostra – composta da oltre cinquanta capolavori provenienti da importanti musei italiani e internazionali come, ad esempio, la Pinacoteca di Brera di Milano, la Galleria Borghese di Roma e il Museo del Prado di Madrid fra gli altri – ruota attorno alla figura del grande pittore veneto Tiziano e alle sue due fondamentali imprese bresciane: il Polittico realizzato per il vescovo Altobello Averoldi tra il 1520 e il 1522 nella collegiata dei Santi Nazaro e Celso, e le tre tele con le Allegorie di Brescia, realizzate molti anni dopo, negli anni sessanta del Cinquecento, per il Salone della Loggia, andate poi distrutte durante l’incendio del 1575.

La “Verità” dei pittori bresciani

Fino al 1 luglio il Museo di Santa Giulia celebra Tiziano e la pittura del Cinquecento tra Venezia e Brescia con una grande mostra, dal progetto ambizioso: ripercorrere l’influenza che [...]

Alla scoperta di Tiziano in 6 approfondimenti

Raccontare la grande arte di Tiziano e la sua influenza sui pittori del tempo, indagando i destini incrociati di Brescia e Venezia nel Cinquecento: è questo l'obiettivo della grande mostra [...]

error: